M.O., Amnesty: vergognoso "accordo secolo" Trump sancisce impunità -5-

Dmo/Red

Roma, 29 gen. (askanews) - Nel dicembre 2019 la procuratrice del Tribunale penale internazionale ha annunciato che un esame preliminare sulla Palestina aveva concluso che nei Territori occupati palestinesi erano stati commessi crimini di guerra e che, una volta che la competenza territoriale del Tribunale fosse stata confermata, avrebbe dovuto essere aperta un'indagine.

La proposta di accordo, per di più, chiede alle autorità palestinesi di non intraprendere "alcuna azione contro cittadini israeliani o statunitensi di fronte all'Interpol o a qualsiasi sistema giudiziario né israeliano né statunitense eventualmente competente". Questo è un palese tentativo di impedire ai palestinesi di chiedere giustizia nei tribunali di paesi terzi ricorrendo al criterio della giurisdizione universale, uno strumento di enorme importanza della giustizia internazionale".

"Una pace giusta e sostenibile richiede un piano che dia priorità ai diritti umani dei palestinesi e degli israeliani e deve prevedere la giustizia e la riparazione per le vittime di crimini di guerra e di altre gravi violazioni. La proposta dell'amministrazione Trump non solo non contiene nulla del genere ma cerca anche di silurare gli attuali tentativi di avere giustizia sia per i palestinesi che per gli israeliani", ha concluso Luther.