M.O., palestinesi: riconoscimento colonie autorizza legge giungla

Dmo

Roma, 19 nov. (askanews) - Il caponegoziatore palestinese Saeb Erekat ha condannato la decisione degli Stati Uniti di abbandonare la posizione tenuta per quattro decenni sugli insediamenti palestinesi in Cisgiordania e ritenerli non in contrasto con le norme internazionali. Questa decisione di fatto autorizza "la legge della giungla", secondo i palestinesi.

Secondo le Nazioni Unite le colonie, dove vivono circa 600mila ebrei, sono illegali in base alle leggi internazionali. "Gli insediamenti coloniali israeliani nei territori palestinesi occupati, inclusa Gerusalemme Est, non sono soltanto illegali in base alla legge internazionale, sono crimini di guerra - ha detto Erekat, secondo la Bbc - Se l'amministrazione Trump decide di minare la legge internazionale...questo costituisce una grande minaccia per la pace e la sicurezza internazionale". (Segue)