M.O., Unhcr: recessione Covid-19 colpisce rifugiati siriani -2-

red/Mgi

Roma, 16 giu. (askanews) - Le famiglie rifugiate si stanno indebitando sempre di pi e non riescono a pagare l'affitto. I rischi relativi alla protezione sono in aumento, compresi quelli legati a lavoro minorile, violenza sessuale e di genere, matrimonio precoce e altre forme di sfruttamento.

Dall'inizio della crisi sanitaria, l'UNHCR ha erogato assistenza d'emergenza in contanti a un numero aggiuntivo di quasi 200.000 rifugiati presenti in Egitto, Iraq, Giordania, Libano e Turchia che, in precedenza, non avevano ricevuto aiuti finanziari, e ha implementato altre misure volte ad attenuare l'impatto della pandemia. Questi cinque Paesi, da soli, accolgono oltre 5,5 milioni di siriani, la popolazione di rifugiati pi numerosa su scala mondiale. L'agenzia intende garantire aiuti ad almeno altri 100.000 rifugiati mediante pagamenti una tantum.

Tuttavia, molti rifugiati non sanno ancora in che modo faranno fronte alla crisi. In Giordania, per esempio, solo 17.000 su 49.000 famiglie vulnerabili individuate recentemente hanno ricevuto aiuti d'emergenza in contanti, dato che l'UNHCR non ha a disposizione i fondi necessari per ampliare i propri programmi. L'Agenzia sta lavorando coi partner che supportano le comunit locali che accolgono rifugiati. Nove rifugiati siriani su dieci presenti nella regione vivono in paesi o villaggi e non all'interno di campi. La maggior parte vive in aree a reddito basso. Le comunit di accoglienza hanno mostrato enorme solidariet, nonostante la perdita dei propri mezzi di sussistenza a causa della pandemia.

(Segue)