M3 fino a Paullo, M5s: bocciato emendamento per finanziare studio

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 17 dic. (askanews) - Il consiglio regionale della Lombardia, nella seduta di bilancio di previsione, ha bocciato l'emendamento del consigliere del Movimento 5 Stelle Nicola Di Marco che chiedeva lo stanziamento per il 2021 delle risorse per la conclusione dello studio di fattibilità tecnica ed economica della metropolitana gialla fino a Paullo.

"Si sono impiegati quasi tre anni prima di vedere la conclusione della prima fase dello studio di fattibilità - dichiara il consigliere regionale Di Marco - e questa bocciatura pone ancora una volta rallentamenti e paletti. La linea, per noi, deve essere prolungata da San Donato al Sud-Est milanese e l'approvazione all'unanimità di una mozione del Movimento 5 Stelle, poche settimane fa, aveva sottolineato la necessità del trasporto su rotaia".

Le risorse del recovery fund, messe a disposizione dal governo nazionale, secondo Di Marco possono servire per raggiungere questo risultato, "ma Regione Lombardia deve fare la sua parte. Quindi torneremo da subito a sollecitare la prosecuzione dell'iter".

"Il territorio in cui potrebbe nascere la M3 è una delle zone più congestionate dal traffico dell'hinterland milanese. Esiste un reale problema all'inquinamento. Regione non si impegna a fare la sua parte per aiutare i pendolari che quotidianamente invadono quelle strade per poter raggiungere Milano ma nel frattempo nello stesso bilancio permette che vengano sprecate risorse, con il metodo della questua, in interventi non prioritari per il futuro della Lombardia", conclude Di Marco.