M5S, 6 espulsi e 'graziato' Giarrusso

webinfo@adnkronos.com

Sei espulsioni, 5 alla Camera, una solo al Senato, dove viene allontanato Alfonso Ciampolillo, mentre viene 'graziato' il senatore ribelle Mario Michele Giarrusso, stando al post pubblicato sul blog delle Stelle. Espulsi alla Camera -per il dossier 'morosi'- Nadia Aprile, Flora Frate, Michele Nitti, Santi Cappellani, Massimiliano De Toma, al grido di 'chi non rispetta le regole viene allontanato'. 

"Rendicontare le spese e restituire le eccedenze dei nostri stipendi è per noi un onere e un onore - si legge nel post che accompagna i 'cartellini rossi' - Un chiaro impegno preso coi cittadini fin dalla nascita del MoVimento 5 Stelle, un approccio più sobrio alle istituzioni. L’idea di una politica capace di spendere il denaro pubblico con la stessa oculatezza di chi spende il denaro proprio. Il percorso iniziato ad inizio novembre per la regolarizzazione di rendicontazioni e restituzioni degli eletti in Parlamento, ha portato alla regolarizzazione della maggioranza delle posizioni pendenti".  

"Questo è motivo di orgoglio e un chiaro segnale di rispetto degli impegni presi verso i cittadini. Sul totale di 30 casi aperti, alcuni portavoce hanno controdedotto in merito ai rilievi posti loro dal Collegio dei Probiviri, il quale, riscontrata la buonafede e la volontà di adempimento, ha intrapreso un dialogo per risolvere positivamente i casi. Ma la civile convivenza è basata sulle regole, e chi non le rispetta va allontanato. Pertanto saranno allontanati dal gruppo parlamentare alcuni eletti, per il venire meno degli impegni presi", viene spiegato nel post.