M5s, Bottici: ciao a chi se ne va, resta chi lavora non chi rema contro

Luc

Roma, 3 gen. (askanews) - "Chi è entrato nel MoVimento 5 Stelle lo ha fatto perché voleva lavorare per cambiare il Paese. Entrare nelle stanze dei bottoni per scardinare un sistema marcio. Scrivere leggi per il bene dei cittadini. Pensare agli ultimi, perché non rimanessero indietro. Rendere il nostro Paese un posto migliore da consegnare a chi verrà dopo di noi. L'ambiente è stata la nostra prima stella, quando ancora non era un tema che smuoveva le piazze. Siamo il governo del Paese, non è più tempo di urlare slogan per essere ascoltati, ma è il momento di costruire sulle fondamenta che abbiamo gettato. Chi non lo ha capito, chi continua a urlare, chi vuole visibilità o poltrone, viene accompagnato alla porta. Perché c'è bisogno di gente che lavora sodo e non di chi rema contro". Lo scrive la senatrice M5s Laura Bottici su facebook.

"Nel Movimento - prosegue - uno vale uno, tutti sono importanti ma nessuno è indispensabile. Perché sono le nostre idee che andranno avanti, e il lavoro fatto in questi anni da portavoce, in parlamento e poi al governo, non andrà perduto se ci sarà sempre chi lavorerà a testa bassa per il Movimento, per i cittadini, e non per fini personali".

"Il Movimento 5 stelle - sottolinea Bottici - è fatto di persone che ogni giorno si impegnano, studiano, lavorano per migliorare il Paese. Ad ogni livello istituzionale, a testa bassa, passo dopo passo. Non si scappa dalle proprie responsabilità specialmente nei momenti duri. Chi non lo ha capito, chi non è con noi, sceglie un'altra strada. Le regole del Movimento sono poche e chiare. Non rispettarle porta automaticamente fuori. Ad ognuno le sue scelte, senza vittimismi o scenate da urlatori, come stiamo vedendo in queste ore. Per questo dico 'ciao ciao' a chi se ne va, e forse, chissà, non è mai stato davvero con noi".