**M5S: cala silenzio in contesa Grillo-Conte, Di Maio tenta ultima mediazione** (3)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Le riunioni di gruppo che si sono svolte mercoledì sera non sono state risolutive. E anche nella compagine dei senatori, dai più descritta come un blocco granitico di fedelissimi di Conte, sarebbero affiorate le prime crepe. Non tutti, infatti, hanno condiviso il comunicato stampa diffuso nella tarda serata di ieri al termine dell'assemblea, dove si chiede di condividere con l'intera comunità 5 Stelle lo statuto redatto da Conte.

Diversi eletti si sarebbero dissociati dal contenuto del comunicato, chiedendo di non diffonderlo: "La nota – si è sfogato un senatore con l'Adnkronos dopo l'assemblea – non ha tenuto conto delle osservazioni fatte da alcuni colleghi. Il progetto di Conte non lo ha visto nessuno, su cosa dovremmo essere compatti?".

Emerge, infine, il timore per un nuovo colpo di teatro da parte di Grillo. L'ipotesi che il garante decida di mettere all'angolo Conte convocando una votazione sul nuovo statuto – riveduto e corretto secondo le indicazioni del confondatore del M5S – starebbe agitando (e non poco) i senatori più vicini all'ex inquilino di Palazzo Chigi. (di Ileana Sciarra e Antonio Atte)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli