M5S: Casaleggio, 'senza piattaforma decisioni in una stanza come in tutti partiti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 apr. (Adnkronos) – I "vertici del Movimento come" gli "iscritti solo a dicembre scorso hanno votato per definire un accordo di partnership tra Movimento 5 stelle e Rousseau. Spero non si sia voluto mettere in difficoltà finanziaria Rousseau semplicemente per far venir meno delle regole sulla base della quale è stata costruita. Se fosse questo il caso, non serve nessuna piattaforma, le decisioni si possono prendere in una stanza, come succede nei partiti". Lo dice Davide Casaleggio in un'intervista a 'La Verità'.

Quanto ai progetti di Giuseppe Conte per il futuro del Movimento, "vedo ancora molta confusione e ambiguità nelle varie proposte di cui leggo sui giornali", aggiunge. E "il limite dei due mandati è una regola nata da un principio fondamentale: la politica non deve essere una carriera. Questo limite è fondamentale perchè limita la creazione di gruppi di potere e consente il rinnovo generazionale all'interno della comunità e l'ingresso di nuove energie".

"'Il voto è dibattito' -dice ancora Casaleggio- vuole dire che se si vuole avere una reale partecipazione non si possono ratificare decisioni già prese da altri a scatola chiusa, ma è necessario creare un percorso di conoscenza e di costruzione della soluzione, dove il voto sia solo la parte terminale della partecipazione. Come per il programma che abbiamo presentato alle ultime politiche, che è stato un percorso durato oltre un anno".