M5S: Castelli, 'abbiamo sfidato sistema, ora cambiamo ma senza nostalgie'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 giu. (Adnkronos) – "Il rapporto si era deteriorato da un po' di tempo. Il punto fondamentale ora è ripartire dopo le incomprensioni legate alla gestione di uno strumento che ci ha accompagnato per molto tempo, ma che ora stava vivendo un po' troppo di vita propria". Lo dice Laura Castelli a Repubblica a proposito del rapporto con Rousseau che, aggiunge la viceministra M5S dell''Economia, con la democrazia diretta "è stata la sfida al sistema di Beppe e di Gianroberto Casaleggio. Dicevamo sempre 'siamo i granelli di sabbia nell'ingranaggio'".

Ha nostalgia di quel Movimento? "Indubbiamente è stata una scuola, una esperienza formativa unica, una possibilità che negli altri partiti non vedevamo. Però no, non ho questo tipo di nostalgia".

La diversità maggiore con il vecchio Movimento è che d'ora in poi non entrerà proprio chiunque? "Sa, in questi anni sono cambiate le condizioni generali, è cambiato il Paese. Ma soprattutto è cambiato l'approccio che i cittadini hanno con la politica, e la voglia di partecipazione. I politici di professione non si iscrivono al M5S, prima non lo facevano perché eravamo una forza nuova, piccola, fatta di 'novizi'. Ed oggi perché continueremo ad essere qualcosa di diverso dai partiti tradizionali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli