M5S, conclusi Stati Generali. Crimi: "Al via dibattito pubblico"

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Si sono conclusi i lavori degli Stati Generali del MoVimento 5 Stelle. Nella giornata di ieri e questa mattina i 305 rappresentanti del MoVimento scelti direttamente dai territori si sono confrontati on line in tre tavoli di lavoro, nel corso dei quali alternando momenti di plenaria a piccoli gruppi, hanno approfondito le questioni più rilevanti che sono emerse dai lavori svolti in ciascuna regione e dagli iscritti residenti all'estero. A loro va il mio e il nostro più sentito ringraziamento, perché il tempo e il lavoro che hanno messo a disposizione della comunità del MoVimento sarà la base, preziosissima, per far crescere questa comunità". E' quanto si legge in un post pubblicato sul Blog delle Stelle dal capo politico M5S, Vito Crimi.

"La democrazia diretta è il nostro faro, oggi abbiamo aggiunto un valore in più: la partecipazione con volti, persone, esperienze, competenze, per costruire insieme i contenuti. Alle 15.30 avrà inizio un dibattito pubblico, interamente trasmesso in streaming su questo Blog e sulla pagina Facebook del MoVimento, a cui prenderanno parte le 30 persone che sono state scelte attraverso la votazione on line degli iscritti su Rousseau, per commentare i contenuti del lavoro svolto e avanzare proposte e idee", prosegue il reggente pentastellato.

"In apertura avremo il piacere e l'onore di ricevere un messaggio del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. A seguire - si legge ancora nel post di Crimi - interverrà il capo delegazione del MoVimento 5 Stelle al governo Alfonso Bonafede, mentre i 30 interventi del dibattito pubblico saranno intervallati da due contributi tematici da parte del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro e del sindaco del comune di Marino Carlo Colizza".

"Il lavoro di questa due giorni proseguirà per definire un'agenda politica chiara, coerente e rinnovata, e per dare al MoVimento 5 Stelle una struttura organizzativa basata su regole e principi coerenti con il nostro passato, ma rinnovati anche alla luce della maturata esperienza nelle istituzioni, a tutti i livelli. Questo grande confronto collettivo è il modo migliore per affrontare le sfide del presente e guardare al futuro con una nuova consapevolezza, che ci deriva dal contributo di tutti voi. Grazie!", conclude il viceministro dell'Interno.