M5S, Conte: "Non siamo infallibili, principi e valori più forti di prima"

·3 minuto per la lettura

"Inizio questo itinerario della Sicilia. Avete visto che nei giorni scorsi ho girato in lungo e largo la penisola perché il M5S ha abbracciato un nuovo corso, un corso di forte rinnovamento, di forte rilancio che ha al centro i principi e i valori per cui è nato. Sono ancora più forti di prima e più chiari, li abbiamo scritti nero su bianco sulla carta, La carta dei principi e dei valori, quella sarà la nostra bussola". Così l’ex premier Giuseppe Conte al suo arrivo ad Adrano (Catania) dove sostiene il candidato del Pd Vincenzo Calambrogio.

"Grazie a tutti, la vostra è una presenza ancora più significativa in una giornata di pioggia - dice - Mi aspettavo il vostro bellissimo sole, ma questa giornata ci dà maggior raccoglimento e ci offre la possibilità di raccogliere qualche pensiero al fresco".

"Non vi possiamo garantire che non sbaglieremo - afferma Conte - perché ci riteniamo, come tutti gli esseri umani, fallibili, però vi garantiamo che semmai ci ritroveremo a commettere qualche errore sarà in buona fede".

"Non ci sarà mai un interesse di bottega o tornaconto - sottolinea - o di qualche imprenditore amico o lobby finanziaria che preme. Noi siamo qui per dare voce a voi che di solito non avete voce". Conte è stato più volte interrotto dagli applausi e dalle acclamazioni.

"Vi posso garantire che anche il nuovo corso, anzi se prima era al cento per cento ora sarà al centodieci per cento, continuerà una battaglia costante contro ogni forma di corruzione, o di infiltrazione mafiosa. La legalità - scandisce - è il nostro marchio di fabbrica".

Conte spiega che "c'è una traiettoria politica più generale che vede un dialogo costante e intenso con il Pd. Laddove abbiamo potuto abbiamo lavorato insieme per elaborare un progetto comune", dice ad Adrano, che vede un candidato sindaco Pd appoggiato dal M5S, "questo laboratorio ha prodotto un progetto condiviso, in un altro caso non siamo riusciti, ma questo non toglie che la traiettoria complessiva rimanga quella di un dialogo per essere competitivi rispetto al centrodestra".

“Grillo? C'è sempre, la sua ispirazione eco-sociale rimane e rimane di grande ispirazione anche per quanto riguarda La carta dei principi e dei valori che abbiamo introdotto. Ovviamente - aggiunge - siamo in una prospettiva politica diversa, sono tempi diversi rispetto al corso iniziale, in cui c'è stata una forte azione di rottura rispetto al sistema politico così come si era consolidato negli anni. Adesso veniamo da due esperienze di governo dirette, due volte io presidente del Consiglio col M5S, stiamo appoggiando in maniera assolutamente leale questa esperienza di governo nell'interesse dei cittadini".

"E' chiaro che adesso è un nuovo corso e dobbiamo superare le criticità del passato; la criticità maggiore è quella di un dialogo costante col territorio, un radicamento che il M5S non ha avuto inizialmente anche per scelta, un po' perché si è affidato alla forma movimento: ora non siamo certo un partito ottocentesco ma il nostro obiettivo è il radicamento nei territori”, dice ancora Conte.

Poi il Pnrr. "Dobbiamo spendere bene i fondi del Pnrr, non dobbiamo sprecare neanche un euro - sottolinea - Dopo tutta la sofferenza che c’è stata, se non riusciamo a spendere bene questi soldi è un peccato mortale di cui dobbiamo rispondere agli occhi dei nostri morti ma anche dei nostri giovani, che un domani ci chiederanno conto dei 230 miliardi di euro".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli