M5S, Conte: "Se Di Maio lascia guida rispetterò sua decisione"

webinfo@adnkronos.com

"A parte che non mi piace commentare le indiscrezioni", credo che "Di Maio sia stato tirato per la giacchetta in questi giorni. Aspettiamo che lui assuma iniziative in questa direzione e poi commenterò". Lo dice ai microfoni di Rtl il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a proposito delle indiscrezioni secondo cui Luigi Di Maio sarebbe pronto a lasciare la leadership del Movimento 5 Stelle. "Se questa fosse la sua decisione - prosegue il premier - lo rispetterò. Se dovesse maturare questa decisione, lo farà col massimo senso di responsabilità. E sicuramente mi dispiacerà sul piano personale". 

Parlando poi delle regionali di domenica in Emilia Romagna e Calabria, il premier dice che "sono due appuntamenti elettorali importanti, due regioni che hanno rilievo anche nell'economia complessiva del Paese, non possiamo sottovalutare questo voto ma dire che è un voto sul governo è sbagliato". "Non credo - osserva - che possa arrivare un effetto di fibrillazione sul governo" dalle prossime regionali.  

"Un mio partito? Non ci penso affatto... non solo perché non ho velleità, ma proprio perché sarebbe profondamente sbagliato. Sarebbe un retropensiero - spiega - che potrebbe distrarmi da quello che sto facendo". 

Poi il caso Gregoretti. "Se mai verrò chiamato in sede istituzionale a riferire, a fornire un altro contributo, sono disponibilissimo a farlo" dice il presidente del Consiglio che ribadisce: "Ho già chiarito, ho chiarito i fatti. La Presidenza del Consiglio è stata coinvolta in questa vicenda per quanto riguarda la redistribuzione dei migranti, come ogni volta. La redistribuzione è stata fatta perché la faceva Palazzo Chigi. Poi, mi sembra evidente, lo dicono i giornali, che il ministro dell'Interno ha sempre rivendicato, ne ha fatto una battaglia politica e qualche volta, purtroppo, anche in modo strumentale, la decisione di se, quando e come far sbarcare i migranti". La vicenda Gregoretti secondo il presidente del Consiglio "è specifica" perché, spiega, si tratta di "una nave italiana e cadeva sotto l'applicazione del dl sicurezza bis", provvedimento che "era stato voluto dalla Lega e dal ministro Salvini per rafforzare le competenze del Viminale".