**M5S: countdown per Rousseau, rumors su deroga 2 mandati scuotono eletti** (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E anche i 'big' che – stando ai rumors – sarebbero stati raggiunti da telefonate che andrebbero in questa direzione smentiscono di averle avute. Forse, si ragiona in ambienti parlamentari, si tratta di voci montate ad arte per motivare parlamentari ormai sfiduciati e dubbiosi sull'opportunità di versare un contributo – 2.500 euro al mese – ancor più sostanzioso rispetto al passato. Oltre a evitare nuovi addii. In molti, infatti, sono convinti che il nuovo statuto sarà accompagnato da un'emorragia di eletti, "una non adesione al nuovo corso più che un abbandono", assicura un deputato che sembra già aver deciso qual è la strada da intraprendere.

Le voci su eventuali aperture circa il terzo mandato, ad ogni modo, scatenano l'ira di molti eletti alla prima legislatura: le indiscrezioni, sostengono fonti parlamentari, "mirano esclusivamente a ridurre la fiducia nel progetto di Conte". "E' chiaro a tutti che un eventuale cedimento alle condizioni di taluni incrinerebbe non solo i rapporti con la base ma anche con tutti gli eletti che ad oggi quelle regole le hanno accettate e rispettate tornando giustamente a svolgere la propria attività lavorativa. Capiamo – insistono le stesse fonti – che forse alcune voci corrono sulla base di necessità di contributi economici al nuovo progetto, ma siamo sicuri che Conte non negozi i doverosi valori di ricambio generazionale e fiducia nei giovani, da professore e da futuro capo politico li saprà sicuramente interpretare al meglio". (di Antonio Atte e Ileana Sciarra)