**M5S: Dieni, 'votato di tutto e non votiamo aiuti? Coerenza, ministri lascino'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 lug. (Adnkronos) – "Abbiamo votato di tutto, a cominciare dai decreti Salvini sull'immigrazione, e non votiamo un provvedimento con 23 miliardi di aiuti per le famiglie? Io non capisco la ratio, davvero fatico a comprendere. Allora, se si è deciso di fare i duri e puri, chiedo coerenza: si sia conseguenti al non voto di oggi e i nostri ministri lascino il governo". Lo dice all'Adnkronos Federica Dieni, deputata M5S che ieri, in assemblea congiunta, ha espresso il proprio dissenso sull'Aventino parlamentare che rischia di far precipitare il Paese in una crisi di governo.

"Mi sorprende ci si accorga solo ora che non siamo ascoltati nel governo – prosegue Dieni – lasciare ora è incoerente, non accadrà mai più di poter incidere, di stare dentro un governo con questo consenso, con i numeri che abbiamo in Parlamento. Non è questo il momento di andare all'opposizione, ma poi a fare opposizione su cosa? Sulle misure per fermare il rincaro delle bollette? Sui provvedimenti a sostegno di imprese e lavoratori? Io credo sia irresponsabile nei confronti del Paese. Per me non si deve andare a votare ora, né tantomeno aprire una crisi nel bel mezzo di un conflitto in corso, con la pandemia che ha ripreso a correre, con i rincari delle materie prime, il caro bollette, ecc.". Smentisce tuttavia Dieni le voci su un suo imminente addio: "No, resto. Ma la delusione c'è ed è innegabile", ammette.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli