M5S: D'Incà, 'direttorio votato quando Conte premier, poi cose cambiate'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 mag. (Adnkronos) – Sugli iscritti al M5S "non c'è nessuna scatola, ci sono dei dati, iscrizioni fatte nel corso degli anni e queste persone hanno il diritto di poter votare. Per farlo, c'è bisogno di una piattaforma -l'attuale o un'altra- nella quale esprimere un voto. Abbiamo espresso un voto durante gli Stati generali con cui abbiamo scelto un direttorio, però allora Conte era presidente del Consiglio. Ora è accaduto un nuovo fatto, Conte non è più presidente del Consiglio e ha dato indicazione di voler guidare il neo-M5S, quindi serve un'altra votazione". Così il ministro ai Rapporti col Parlamento Federico D'Incà, nella puntata di Porta a Porta che andrà in onda questa sera.

"Tutta questa diatriba, ora in corso anche in qualche aula di tribunale, è solo per poter arrivare finalmente votare", ha aggiunto D'Incà sostenendo che il M5S "è compatto" sull'indicazione di Giuseppe Conte a guida dal Movimento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli