M5S diviso sull'obbligo vaccinale: Raggi costruisce il fronte del no

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - 2021/10/21: Former Mayor of Rome Virginia Raggi leaves Capitol after Roberto Gualtieri entered Capitolium as the new Mayor of Rome. (Photo by Matteo Nardone/Pacific Press/LightRocket via Getty Images) (Photo: Pacific Press via Getty Images)
ROME, ITALY - 2021/10/21: Former Mayor of Rome Virginia Raggi leaves Capitol after Roberto Gualtieri entered Capitolium as the new Mayor of Rome. (Photo by Matteo Nardone/Pacific Press/LightRocket via Getty Images) (Photo: Pacific Press via Getty Images)

Riunioni su riunioni, ristette e allargate. In casa M5S si cerca di definire una linea sull’obbligo vaccinale, tema che probabilmente sarà al centro del prossimo Consiglio dei ministri. Dopo l’apertura all’ipotesi dell’obbligo, arrivata durante l’ultima cabina di regia dal ministro per le Politiche agricole Stefano Patuanelli (e rilanciata anche dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà in un’intervista al Corriere del Veneto), si è acceso lo scontro all’interno del Movimento 5 Stelle: secondo quanto apprende l’Adnkronos in questi giorni l’ex sindaca di Roma Virginia Raggi, contraria all’obbligo vaccinale, si sarebbe attivata, provando a compattare il fronte del no.

Diversi i contatti con senatori e deputati da parte della consigliera comunale capitolina. Anche la capogruppo al Senato, Mariolina Castellone, avrebbe sollevato non poche perplessità sulla eventuale introduzione dell’obbligo vaccinale, parlando di intervento tardivo e non necessario in questo momento. Nelle prossime ore potrebbe essere convocata una nuova riunione per provare a sciogliere il nodo

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli