M5S: eletti a Conte, su giustizia e dl semplificazioni a rischio nostra identità

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 lug. (Adnkronos) – Dopo un'assemblea di applausi e endorsement, qualche nota critica si leva dalla riunione degli eletti M5S, ancora in corso a Montecitorio, con il capo politico in pectore Giuseppe Conte. Sulla riforma Cartabia, il deputato Davide Zanichelli chiede all'ex premier, in particolare, cosa accadrà se il governo dovesse bocciare gli emendamenti grillini al testo che riscrive la prescrizione, mentre la collega Angela Masi, sullo statuto presentato in assemblea da Conte, ha chiesto polemica: "se lo avesse scritto Di Battista lo statuto glielo avremmo mai permesso?". Attacca a muso duro il dl semplificazioni il deputato Giovanni Vianello. "Questo decreto non ha nulla di ambientale – critica – segnerà inevitabilmente la nostra identità qualora avallassimo il via libera con un voto favorevole".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli