M5S: libro Di Maio, fu Dettori a coniare per Conte definizione 'avvocato del popolo'

·1 minuto per la lettura

Quando il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella 'bocciò' il nome di Paolo Savona come ministro dell'Economia del nascente governo gialloverde, Giuseppe Conte "si mostrò leale, mantenne la linea pattuita e rimise il mandato. Se ne andò via dal Quirinale in taxi. A quei tempi Giuseppe si muoveva sempre in taxi. Mi raggiunse a casa di Pietro Dettori, dove era praticamente riunito tutto lo stato maggiore del Movimento, e ci aggiornò sulla situazione: uno stallo, un altro stallo apparentemente irrisolvibile". Lo racconta Luigi Di Maio nel suo libro, "Un amore chiamato politica", edito da Piemme. "A proposito di Pietro Dettori: fu lui - rivela il ministro degli Esteri - a coniare la definizione di 'avvocato del popolo' per Giuseppe Conte".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli