M5S, lite Crimi-Villarosa sulle 'manine'

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

E' scontro nella compagine di governo M5S. Protagonisti della lite sono il capo politico 5 Stelle Vito Crimi e il sottosegretario all'Economia Alessio Villarosa. Non è piaciuta al reggente pentastellato l'intervista di Villarosa a 'Il Riformista', nella quale il sottosegretario al Mef denuncia la presenza di una "manina nel governo" che sarebbe intervenuta per cancellare l'aumento delle accise sul tabacco riscaldato: "Alle riunioni io non c'ero, Castelli e Misiani sì", attacca Villarosa.

Parole che, raccontano all'Adnkronos autorevoli fonti pentastellate, avrebbero mandato Crimi su tutte le furie. Duro l'affondo del capo politico nei confronti del sottosegretario all'Economia: se pensi che nel governo ci siano 'manine amiche' devi dirlo apertamente facendo nomi e cognomi, il ragionamento espresso dal capo politico nella chat di governo, secondo quanto viene riferito dalle stesse fonti. La replica di Villarosa non si fa attendere: stai portando il M5S al macero, dimettiti.

Già in passato il sottosegretario siciliano aveva manifestato anche pubblicamente il suo malcontento verso la gestione del Movimento 5 Stelle targata Crimi, chiedendo a gran voce un voto su Rousseau per eleggere un nuovo capo politico. Concetti che Villarosa è tornato a ribadire oggi nel suo pesante j'accuse: sei scaduto da mesi - insiste il sottosegretario - e non c'è ancora la data delle elezioni per l'organo collegiale, stai distruggendo tutto.

In questo governo ci sei anche tu - la controreplica di Crimi - se pensi ci siano 'manine amiche' dimettiti e ricordati di chiudere la porta, non te l'ha prescritto il medico. Fonti parlamentari fanno inoltre notare come Villarosa sia stato l'unico esponente di governo M5S a firmare a inizio dicembre la lettera dei dissidenti contrari alla risoluzione di maggioranza sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità: "Altro segnale del forte malcontento del sottosegretario al Mef", spiegano.

Nella stessa chat poi Crimi rincara la dose rivolgendosi a Villarosa: "Se c'è qualcuno che sta danneggiando il Movimento è gente come te, che pensa solo a se stessa, a salvare la propria faccia, a prendere le distanze. Quando eravamo bambini, la gente come te era quella che veniva a giocare al campo di calcetto improvvisato solo quando c'era bel tempo, ma quando c'era il fango, dopo che era piovuto, non veniva a giocare per paura di sporcarsi le scarpette". "Qui giochiamo nel bello e nel cattivo tempo... ci prendiamo sole e fango, tutti quanti", il rimprovero del reggente grillino.

(di Antonio Atte)