M5s: Lombardia guardi a Emilia per riaprire punto nascita Oglio Po

Red-Asa

Milano, 27 gen. (askanews) - "La Lombardia preda da esempio quanto sta accadendo in Emilia Romagna per riaprire il punto nascita dell'Ospedale Oglio Po. Gli emiliani hanno proposto al Ministero un protocollo realistico per riaprire ben quattro presidi sotto i 500 parti in territori distanti da città capoluogo e mal collegati". Lo hanno scritto in una nota Marco Degli Angeli e Andrea Fiasconaro, consiglieri regionali del M5s in Lombardia, che invitano l'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, a riaprire le trattative per il punto nascita dell'Ospedale Oglio Po di Casalmaggiore, in provincia di Cremona.

"Il Ministero vede favorevolmente la revisione dei criteri per l'apertura dei punti nascita. Francamente non capiamo perché la Lombardia non abbia mai difeso fino in fondo quel presidio e non abbia fatto nulla per rafforzare i servizi di rete su cui avevano preso un impegno preciso. Ci auguriamo che l'Assessore regionale alla Sanità Gallera voglia ridare speranza a tutti coloro che negli ultimi mesi hanno chiesto a gran voce che tornino a nascere i bambini all'Oglio Po" hanno aggiunto.

"L'area che serve è periferica e la chiusura del punto nascite oltre è un danno e un grave impoverimento del territorio. Chi da la vita e cresce i suoi figli su questa terra non è un cittadino di serie b e merita servizi che equilibrino i disagi territoriali. Non è chiudendo i punti nascita che si mantengono vivi i territori", hanno concluso i consiglieri regionali.