**M5S: Messora, 'per Grillo superata linea, garante si è ripreso il Movimento'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 giu. (Adnkronos) – "Grillo ha ricevuto lo statuto da Conte e quello che ha letto non gli è piaciuto. Ci sono un sacco di cambiamenti nella gestione Conte che non rispecchiano i principi fondamentali del M5S. Ad esempio, la scelta dei candidati per le amministrative a Napoli è stata fatta senza coinvolgere gli eletti, neppure i consiglieri comunali: è stato sconfessato quello che era un principio cardine del Movimento. Una scelta fatta nelle segrete stanze. Nonostante la scomparsa di Gianroberto Casaleggio e gli attriti con Davide, penso che Grillo abbia deciso che è stata superata una linea oltre la quale non si doveva andare". A dirlo, all'Adnkronos, è Claudio Messora, fondatore del blog 'Byoblu' ed ex capo della comunicazione M5S al Senato.

Conte, osserva Messora, "ora si trova nella condizione di poter condividere poltrone, posizioni ed è chiaro che quei parlamentari che gradirebbero molto superare il limite dei 2 mandati sono molto allettati dall'offerta di Conte. Grillo si è voluto riprendere il M5S in quanto fondatore e garante". Quello immaginato dall'ex premier, secondo l'ex capo della comunicazione grillina è "un modello di partito gerarchico che ha costi ingenti. E senza rimborsi elettorali non puoi gestire una macchina così": "Gianroberto voleva un Movimento senza centri di potere. Il M5S di Conte è strutturato come un partito, ma le strutture di potere costano e anche tanto, mentre il modello 'movimento' lo facevano attivisti ed eletti", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli