M5S: no al ricatto turco sulla pelle dei profughi

Pol/Bar

Roma, 2 mar. (askanews) - "Le immagini della guardia costiera greca che apre il fuoco e prende a bastonate i profughi siriani che fuggono dalla guerra sono inaccettabili. Com'è inaccettabile il cinico ricatto di Erdogan che usa i profughi per estorcere all'Ue altri miliardi di finanziamenti per bloccare i flussi e per avere maggiore sostegno europeo alla sua ennesima operazione militare in Siria". E' quanto si legge in una nota del gruppo del M5S al senato, genericamente attribuita ai senatori stellati componenti della commissione Esteri di Palazzo Madama.

"Operazione ordinata da Erdogan - prosegue la nota - in risposta a quella di Assad scattata per il mancato ritiro dei ribelli islamisti filo-turchi, deciso un anno prima con gli accordi di Sochi per la smilitarizzazione dell'area. L'Europa deve intervenire al più presto per fermare la guerra a Idlib e riportare la pace in tutta la Siria, unica vera soluzione al problema dei profughi", conclude il M5S.