M5S: Penna (5 Stelle), 'Grillo lontano da realtà, errore rispolverare Rousseau'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 giu. (Adnkronos) – "A volte gli elevati si collocano in luoghi così inaccessibili e lontani che non riescono più a captare il sentire del proprio popolo, forse solo questa sordità può spiegare perché si affida un progetto prima a un leader usando parole di miele per lodarlo e dopo pochi mesi si usano per la stessa persona, che nel frattempo ha conquistato i cuori del popolo cinquestelle, parole di fiele". Così il deputato M5S, Aldo Penna.

"Forse i nidi d'aquila dove gli elevati si rifugiano godono di vista mozzafiato, ma privano della capacità di ascolto. Così forse a Grillo è sfuggito che il popolo cinquestelle ha scelto Conte e non basteranno le sue parole ingiuste e irriconoscenti per fargli cambiare idea. Rispolverare Rousseau dopo che Casaleggio ha fatto di tutto per ostacolare il cambiamento sembra prefigurare un ritorno a periodi seppelliti dagli astii e dalle incomprensioni e che non si monderanno solo per una momentanea convergenza di interessi tra Grillo e Casaleggio figlio. Impedire a Conte di diventare leader del M5S non cambierà di una virgola il grande affetto e la grande considerazione che l'ex premier si è conquistato".

"Invece di risuscitare Rousseau e un direttorio già seppellito dal lui stesso, perchè Grillo non affida a quegli iscritti tanto decantati e a quella democrazia digitale tanto invocata la possibilità di capire a quale progetto tengono? Se un impossibile, nostalgico e patetico riavvolgimento del nastro o invece l'atto di fondazione di un movimento autenticamente riformatore rivoluzionario".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli