M5S: Raggi spacca il Movimento 'incontro con eletti? Vuole dividerci', e c'è chi diserta

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 ott. (Adnkronos) – Il summit della discordia spacca il Movimento 5 Stelle. Domani pomeriggio la sindaca uscente di Roma, Virginia Raggi, incontrerà parlamentari e consiglieri romani del M5S nella nuova sede del Movimento in Via di Campo Marzio per fare il punto dopo le amministrative: e c'è chi interpreta la mossa della prima cittadina pentastellata come il battesimo di una 'corrente' che potrebbe creare filo da torcere al leader Giuseppe Conte e alla sua linea filo-dem. Tra i motivi di discordia c'è sempre il nodo ballottaggio: da una parte Conte, che vorrebbe spendersi a sostegno di Gualtieri, dall'altra Raggi, che invece preferisce mantenere una posizione neutrale. Oggi i due dovrebbero sentirsi per entrare nel merito del match tra Michetti e Gualtieri, ma è facile che nel faccia a faccia rientri anche la decisione di Raggi di convocare i 'romani'.

Nel M5S non tutti hanno gradito l'iniziativa. Alcuni 'portavoce', secondo quanto apprende l'Adnkronos, diserteranno la riunione in aperta polemica con la sindaca; altri, non invitati, si affrettano a criticare il merito dell'incontro ma soprattutto il metodo con cui è stato convocato. Non solo. Alcuni esponenti grillini – stando ai rumors, tra questi figurerebbe l'eterna rivale Roberta Lombardi ma non solo lei – si sarebbero indispettiti per la scelta di Raggi di dare appuntamento agli eletti capitolini nella neo sede del M5S: "A quale nome?", una delle domande che rimbalza su alcune chat. "Domani non parteciperò: Virginia si è comportata molto male con noi parlamentari nel corso di questi tre anni e se pensa di indottrinarci ha sbagliato proprio piano", tuona una parlamentare interpellata dall'Adnkronos, preferendo rimanere anonima.

Un big 'contiano' denuncia "l'intento selettivo" dell'iniziativa: "Diversi esponenti del M5S nel Lazio sono stati esclusi dalla riunione: il loro mancato coinvolgimento già depone male. Ci si chiede come mai ci sia stata una convocazione senza oggetto e come mai alcune persone siano state invitate ed altre no", l'accusa. Quello di Raggi, attacca la stessa fonte, "è un atto politicamente forte ma non è stato trasparente né inclusivo. Non si capisce né la ratio né la finalità di questa mossa. Sono state escluse, guarda caso, le persone che hanno già manifestato la loro disponibilità ad appoggiare Roberto Gualtieri al ballottaggio…".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli