M5S Roma: da Spadafora dichiarazioni superficiali

Sis

Roma, 23 ott. (askanews) - "Noi non siamo abituati ai giochini della vecchia politica né condividiamo il pensiero di chi li usa. E gli attacchi interni gratuiti, quelli di chi parla senza sapere cosa vuol dire amministrare Roma, si qualificano per quello che sono: dichiarazioni superficiali che raggiungono un livello ancora più basso delle semplificazioni e delle mistificazioni che sono proprie di Salvini o il "deraggizzare" Roma urlato dai rappresentanti del Pd". L'attacco nel cuore del M5S al Governo, in risposta al ministro ai Giovani e lo Sport Vincemzo Spadafora, fedelissimo del Capo politico Luigi Di Maio, parte dal portavoce M5S in Campidoglio Giuliano Pacetti ed è senza sfumature da interpretare.

In risposta al ministro che ieri dichiarava che tutti si aspettavano di più da Raggi sindaca, Pacetti replica con un post tagliente via Fb, e non può essere più politico. Spadafora ha giocato un ruolo molto importante nella prima Giunta Raggi, aiutando la sindaca a reclutare assessori soprattutto nell'area civica, a partire dall'ex assessore all'Urbanistica Paolo Berdini e dell'assessora al Sociale Laura Baldassarre, sua ex collega all'Unicef recentemente messa alla porta dalla prima cittadina.

"Raccontiamo piuttosto che la Sindaca Virginia Raggi è sotto scorta perché sta combattendo il malaffare. Spieghiamo che, per il bene dei romani e per la città, il gruppo di maggioranza lavora giorno e notte. Diciamo che il governo per Roma può sicuramente fare di più. E magari limitiamoci a questo", lamenta Pacetti. "Se un Ministro del M5s si permette di parlare della nostra amministrazione come ha fatto Spadafora - attacca ancora Pacetti - spiace dirlo ma vuol dire che ha abboccato alla verità distorta che i media e gli altri partiti hanno sapientemente costruito. Fa il loro gioco. Noi invece continuiamo a non giocare, lavoriamo sodo", conclude.