M5S, accordo con Casaleggio vicino: attesa per l'annuncio

·2 minuto per la lettura

La querelle sui dati degli iscritti che ha visto battagliare negli ultimi mesi Movimento 5 Stelle e Associazione Rousseau sembra avviarsi verso una conclusione. La no profit di Davide Casaleggio presto dovrebbe consegnare al M5S gli elenchi con i dati degli iscritti, come ordinato lo scorso primo giugno dal Garante per la privacy, al quale i grillini si erano appellati: nel provvedimento, adottato d'urgenza all'esito dell'istruttoria avviata dopo la segnalazione presentata dal M5S, il Garante aveva dato a Rousseau 5 giorni di tempo per trasferire al Movimento i dati dei militanti. In serata sia Rousseau che il M5S potrebbero annunciare la risoluzione della controversia.

Intanto sul proprio sito l'Associazione di Casaleggio ha comunicato agli utenti la sospensione temporanea delle "funzioni operative della piattaforma" per "ragioni di carattere tecnico". Bocche cucite, per ora, sulla cifra dell'accordo: secondo indiscrezioni, la cifra ammonterebbe a circa 250mila euro che il M5S dovrebbe versare nelle casse di Rousseau, a fronte dei 450mila inizialmente chiesti da Casaleggio per sanare i mancati versamenti dei parlamentari. Anche tra gli eletti vige il massimo riserbo. Ieri sera il direttivo pentastellato alla Camera ha espressamente chiesto ai deputati di non parlare con la stampa prima della definizione dell'accordo: "In queste ore si sta lavorando per la riconsegna dei dati come ingiunto dal Garante per la protezione dei dati personali, su cui vi aggiorneremo prima possibile. Vi preghiamo cortesemente di evitare interviste, commenti, post e dichiarazioni sul tema nei prossimi giorni".

Nelle ultime settimane il M5S ha già provveduto a nominare i nuovi responsabili del trattamento dati: le società Corporate Advisor s.r.l. e Isa s.r.l., e un notaio di Roma. Una volta ultimato il trasferimento dei dati, il Movimento potrà procedere con il voto sulla nuova piattaforma per lo statuto del 'Neo-Movimento' e la Carta dei valori, avviando così la rifondazione targata Giuseppe Conte: "La settimana prossima ci sarà la necessità di fare una verifica dei dati, per controllare che siano dati corretti, completi. Dei riscontri dovranno inevitabilmente essere fatti nei confronti degli iscritti. Dopodiché è negli auspici di tutti che la cosa funzioni e che funzioni anche piuttosto celermente", ha spiegato ieri in un'intervista all'Adnkronos l'avvocato del M5S Francesco Cardarelli.

Il leader in pectore del M5S, Giuseppe Conte, vede dunque il traguardo vicino. L'ex premier (che in queste ore avrebbe avuto contatti con Casaleggio per limare l'accordo) sta pensando anche a un evento pubblico per presentare il suo 'Neo-Movimento'. L'appuntamento è previsto nelle prossime settimane, entro la fine di giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli