M5S: saggio Polvere di Stelle, da Di Battista 3 no a ruolo da ministro

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 set. (Adnkronos) – Non uno, non due, bensì tre: sono i rifiuti che Alessandro Di Battista nel corso degli anni ha manifestato all’ipotesi di un ruolo da ministro. L’ex deputato è stato contattato in tre occasioni con toni, ruoli e possibilità reali diverse a seconda della circostanza. Tutte le volte Di Battista ha declinato le proposte. A rivelarlo è il saggio 'Polvere di Stelle' del giornalista del Corriere della Sera Emanuele Buzzi, in libreria da domani ed edito da Solferino.

Secondo il libro, l’ex deputato sarebbe stato contattato una prima volta all’epoca della nascita del governo gialloverde, un passaggio “dovuto”, ma non molto approfondito: Di Battista aveva già in programma un reportage in Centro America. Il secondo no risale alla formazione del governo con il Pd: Di Battista rifiuta dal momento che il suo ingresso nell’esecutivo comporterebbe anche quello di Maria Elena Boschi. Il terzo no è solo sulla carta: l’ex deputato viene contattato durante il tentativo di dar vita a un Conte ter. Quel giorno – stando alla ricostruzione di Buzzi – viene sondata anche Virginia Raggi: entrambi negano la loro disponibilità. Il libro rivela anche altri no illustri come quelli di Paola Taverna e Chiara Appendino.