M5S, slittano gli stati generali

webinfo@adnkronos.com

di Antonio Atte La collocazione politica del futuro M5S resta il nodo centrale per i pentastellati, al bivio tra la scelta di aderire al progetto di un campo largo con il Pd in chiave anti-sovranista e la 'terza via' ("né a destra né a sinistra") indicata dall'ex capo politico Luigi Di Maio. Durante l'assemblea plenaria dei gruppi grillini di martedì sera va in scena lo scontro tra queste due visioni. Scontenti i sostenitori della linea filo riformista. Paolo Lattanzio - che, dopo l'intervento del capo politico Vito Crimi, ha posto con fermezza il tema del posizionamento politico - parla di "strategia dello struzzo" da parte dei vertici stellati. "Non è cambiato nulla - si sfoga il deputato con l'Adnkronos - non mi sembra ci sia reale voglia di analizzare errori, approfondire, dialogare".  

Duro l'affondo di Giorgio Trizzino e Carla Ruocco contro la gestione della comunicazione (entrambi hanno chiesto anche di rendere l'assemblea un luogo 'decisionale', con voto), mentre Danilo Toninelli, responsabile delle campagne elettorali, se la prende con chi 'spiffera' le notizie ai giornali. Dal canto suo, Crimi ribadisce quella che molti ritengono essere anche la posizione di Di Maio: "Ai cittadini non interessa in quale campo ci collochiamo, ma se abbassiamo le tasse".  

L'ex leader grillino per ora tace sulle questioni interne, concentrandosi sul suo ruolo di ministro degli Esteri. Ma agli stati generali (rinviati a dopo il 29 marzo a causa del referendum sul taglio dei parlamentari) porterà le sue idee. Intanto circolano le prime proposte sul futuro assetto del M5S. Stefano Buffagni, per esempio, è per la creazione di un "Politburo" con lo schema "6+1". Un "ufficio politico" che comprenda la figura di un "segretario generale" o presidente. Idea sposata, tra gli altri, da Giancarlo Cancelleri. Manlio Di Stefano, fedelissimo di Di Maio, invece propone una sorta di "consiglio (con regole ad-hoc) a sostegno di un capo politico (a tempo pieno)". 

In attesa di capire le mosse di Alessandro Di Battista, la corsa alla leadership non è ancora entrata nel vivo. I rumors su una candidatura di Paola Taverna si fanno sempre più insistenti, così come non si spengono le voci circa una discesa in campo del sindaco di Torino Chiara Appendino. Un confronto tra donne non è escluso secondo il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, il quale si dice sicuro che alla fine Di Maio non si ricandiderà come capo politico.  

In un Movimento dove resta alto il livello di guardia per i possibili nuovi addii ai gruppi - mentre si attendono a breve le sanzioni disciplinari per i morosi - tiene banco soprattuto il dossier regionali. Da oggi su Rousseau sono aperte le candidature per i consiglieri in Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, e Veneto. Sul Blog delle Stelle viene precisato che "la fase tecnica di acquisizione delle disponibilità degli iscritti a candidarsi come consiglieri regionali rimane in ogni caso collegata ad ogni eventuale decisione politica assunta per i singoli territori regionali". 

Diversi eletti in assemblea hanno chiesto di riaprire il tavolo del confronto con le altre forze di maggioranza per poter ragionare su una candidatura comune. Il tema sta creando fibrillazioni, in particolare tra i liguri. Domenica, invece, a Napoli gli attivisti e i 'portavoce' locali si riuniranno in un albergo per tracciare la rotta e decidere il da farsi. Molti eletti campani, tra cui il deputato Luigi Iovino, vedrebbero di buon occhio un passo avanti del ministro dell'Ambiente Sergio Costa come candidato governatore. Ma prima va sciolto il nodo alleanze: tema non semplice, visto che il derby tra anti-dem e filo-dem sembra ancora in alto mare.