M5S, per Grillo insulti e stoccate su Facebook

·1 minuto per la lettura

Seimila commenti nell'arco di un paio d'ore, era da tempo che non se ne vedevano tanti. Sulla bacheca Facebook di Beppe Grillo fioccano stoccate e affondi, a commento del post, durissimo, con cui il garante e fondatore del Movimento ha messo alla porta Giuseppe Conte. Stando almeno ai commenti su Fb, la base grillina -che sul blog di Grillo non può intervenire- sembra essere dalla parte dell'ex premier. E il padre del Movimento infatti a finire nel mirino, con una piogga di 'vaffa' e di promesse di addio al M5S.

"Tutto cominciò con i click sul tuo blog e tutto finisce con i click sul tuo blog", lamenta un attivista. "'Non possiamo lasciare che un movimento nato per diffondere la democrazia diretta e partecipata si trasformi in un partito unipersonale' - gli fa eco un altro follower - disse colui che decide da solo se Conte può essere o meno il leader del Movimento. Senza dare la possibilità agli iscritti di votare. Bella democrazia diretta e partecipata".

Tanti e sonori i 'vaffa' indirizzati al garante. "Caro Beppe dovevi chiedere agli iscritti..invece come sempre ti senti una mente eccelsa pensando di decidere tutto anche per me..ma io non ci sto..hai fatto scappare i migliori è adesso ci porterai alla distruzione..fino ad oggi ti ho difeso ma da oggi in poi puoi anche andare Affanc....", scrive Rosa, tra le tante in difesa di Conte. "Ormai di grillino vedi solo Draghi e questo sta a significare tante cose. Troppe!", scrive uno dei tanti attivisti che torna a rinfacciare il sostegno al governo guidato dall'ex numero uno della Bce. "Peccato, hai perso un'occasione.. Errore storico che darà la morte al tuo M5S",. profetizza più di un follower di Grillo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli