M5S, con espulsi nasce 'L'alternativa c'è': alla Camera 13 deputati

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Nasce alla Camera 'L'alternativa c'è', la componente degli ex grillini composta, per ora, da 13 deputati. La decisione di dar vita a una componente del Gruppo Misto è arrivata dopo una riunione tra ex M5S che ha avuto luogo oggi a Montecitorio.

"Confidiamo nella possibilità di dar vita a un gruppo in pochi giorni", aveva anticipato Pino Cabras all'Adnkronos. Per costituire un gruppo alla Camera servono almeno 20 persone, al Senato la gestazione potrebbe essere più lenta perché il regolamento richiede l'uso di un simbolo che si è presentato alle elezioni (si pensa a quello dell'Italia dei Valori).

Non si tratta ancora di un partito, anche se i ribelli non escludono di andare presto dal notaio per fondare l'associazione con tanto di simbolo, ma di una "sponda parlamentare con cui intendiamo dare un aiuto modesto e paziente alla costruzione di una opposizione in Italia. Un'alternativa politica, plurale", prosegue Cabras.

Alessandro Di Battista, che ieri ha ufficializzato l'uscita dal M5S, sarà il punto di riferimento dei ribelli? "Ci piacerebbe che ci fosse anche Di Battista, ma non guardiamo solo a lui. Per ora Alessandro ha scelto la collocazione del libero pensatore". Andando all'opposizione "L'alternativa c'è" farebbe compagnia a Fratelli d'Italia, unico partito finora ad aver negato il suo appoggio al governo Draghi. I ribelli M5S vogliono accelerare perché nei prossimi giorni, sottolinea Cabras, "ci sono appuntamenti importanti". Tradotto: gli espulsi 5 Stelle puntano alle presidenze delle Commissioni di garanzia, che allo stato attuale sarebbero tutte appannaggio del partito di Giorgia Meloni. "Non solo Vigilanza Rai - ammette Cabras -, vorremmo dire qualcosa anche su Copasir e Cassa depositi e prestiti".

Per ora, spazio alle dichiarazioni d'intento. "Noi vogliamo essere un'alternativa credibile per dare voce a tutti gli italiani che non si sentono rappresentati da questo governo. Non solo quindi un'alternativa al M5S. Ognuno di noi porterà le proprie competenze all'interno di questo progetto e la nostra sarà un'opposizione costruttiva", promette la deputata siciliana Maria Laura Paxia, anche lei espulsa dal Movimento per non aver votato la fiducia a Draghi.

"Faremo una componente ma la nostra ambizione è quella di crescere. Oggi ci sarà il primo incontro. Di Battista? Questo progetto non è stato fatto guardando a lui. Il suo - prosegue la deputata parlando con l'Adnkronos - sarebbe un supporto graditissimo, se vuole dare una mano siamo contenti ma in prima linea ci siamo noi in Parlamento: dobbiamo dimostrare di saper fare opposizione".

"L'alternativa c'è" aspira a diventare la nuova casa dei dissidenti M5S. Presto altri grillini potrebbero lasciare il Movimento per migrare nel nuovo gruppo: "Ci sono colleghi che osservano con interesse le nostre mosse. Penso che a breve arriveranno altri parlamentari", conclude Paxia. - di Antonio Atte