M5S, vertici irritati: "No alle primedonne"

webinfo@adnkronos.com

Filtra irritazione dai vertici M5S per le dichiarazioni di alcuni esponenti del Movimento all'insegna della polemica. Nel mirino sembra finire, in particolare, Max Bugani, l'esponente storico del M5S in Emilia Romagna ora capo staff della sindaca di Roma Virginia Raggi, che dopo la debacle dei 5 Stelle alle urne ha usato parole di fuoco.  

"Primedonne e parole divisive sono quanto di più lontano rispetto a quello di cui c'è bisogno adesso - è il ragionamento raccolto dall'Adnkronos -. Crimi ha parlato della necessità di stare uniti e remare tutti nella stessa direzione, chi si discosta da questo approccio sta andando contro il Movimento. Ciascuno si assuma le proprie responsabilità e lavoriamo sul futuro, in modo concreto"