Macerata, raffica di controlli all'Hotel House di Porto Recanati

Red/Sav

Roma, 19 lug. (askanews) - Un arresto, 4 denunce, 4 stranieri irregolari rintracciati (uno dei quali portato al Cpr per l'immediata espulsione), multe per 20mila euro per lavoro nero. E poi 10 appartamenti e 5 casolari controllati, perquisizioni personali, controlli di uomini e mezzi, oltre a sequestri di merce contraffatta: 500 tra borse, bigiotteria e manufatti, pronti per essere venduti per strada. È il bilancio dei controlli di ieri all'Hotel House di Porto Recanati (Macerata) effettuati da militari dei carabinieri, forestali, Nucleo ispettorato del lavoro e Nucleo cinofili di Pesaro, col supporto di un elicottero arrivato da Pescara.

"Non dimentico Porto Recanati e la situazione dell'Hotel House. Grazie alle Forze dell'Ordine, al prefetto e agli inquirenti per l'impegno costante e la professionalità", commenta il ministro dell'Interno Matteo Salvini: "Nell'ultimo anno, come promesso, abbiamo moltiplicato gli sforzi e i controlli: abbiamo qualche segnale incoraggiante. E a Zingonia (Bergamo) abbiamo già dimostrato che le palazzine diventate regno di troppi balordi possono essere ripulite radicalmente. Tolleranza zero per delinquenti, abusivi e clandestini. Un abbraccio ai residenti perbene: non vogliamo lasciarvi soli", conclude.