Macina (M5s): referendum è democrazia, spiace incoerenza Fi

Rea

Roma, 22 ott. (askanews) - "Il fatto che la nostra riforma per la riduzione del numero dei parlamentari possa essere sottoposta a referendum non è un problema anche se ci sorprende che a proporlo sia Fi: siamo certi che gli italiani sapranno valutare merito e coerenza". Così, in una nota, Anna Macina, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in Commissione Affari costituzionali alla Camera.

"Assurdo che la raccolta delle firme necessarie per la consultazione popolare sia partita da un esponente di Forza Italia, il medesimo partito che da tempo insiste, evidentemente solo a parole, per ridurre il numero dei parlamentari sia alla Camera che al Senato. I forzisti, oggi, sembrano mancare di coerenza. Quella stessa coerenza che ci porta a ribadire ancora una volta quanto qualsiasi referendum è uno strumento di democrazia fondamentale a disposizione degli italiani. Crediamo nel fatto che democrazia diretta e democrazia parlamentare possano e debbano coesistere e funzionare al meglio, ed anzi la democrazia diretta compensa, sprona e sostiene la democrazia parlamentare. È per questo che se da una parte abbiamo ridotto il numero dei parlamentari, senza indebolire la democrazia rappresentativa ma efficientandola, dall'altra lavoriamo per potenziare il referendum abrogativo e introdurre quello propositivo. Dispiace per la scelta paradossale di Forza Italia, ma per noi, ogni volta che un cittadino viene chiamato ad esprimersi direttamente è una festa per la democrazia", conclude Macina.