Macron a Notre Dame: grandi progressi ma ancora molto da fare

·1 minuto per la lettura
featured 1279112
featured 1279112

Roma, 15 apr. (askanews) – A due anni esatti dall’incendio che ha distrutto parte della cattedrale di Notre Dame, a Parigi, il presidente francese Emmanuel Macron si è recato in visita al cantiere di ricostruzione e ammirando quanto è stato finora fatto ha dichiarato che è “solo una tappa” e “resta ancora molto da fare”.

“Il mio è un messaggio di orgoglio collettivo, perché abbiamo fatto molto in due anni e abbiamo evitato il peggio. Un enorme grazie va a tutti coloro che si sono mobilitati, migliaia di persone già su questo sito” ha detto.

Il rogo due anni fa distrusse parte della cattedrale romanica simbolo di Parigi, in particolare le capriate di legno del tetto che devono essere rifatte o consolidate.

E’ la prima volta che Macron torna a Notre Dame. Armato di giubbino e caschetto, ha visitato il cantiere, salendo fino ai piani alti della cattedrale, insieme alla sindaca di Parigi Anne Hidalgo e ha promesso che l’impegno preso per restituire Notre Dame ai parigini entro il 2024 sarà mantenuto.