Macron parla da vincitore: “Presidente di tutti contro i nazionalismi”

Un appello all’unità in vista del secondo turno del 7 maggio, ma anche, e soprattutto, delle elezioni legislative che seguiranno a giugno. Accompagnato dalla moglie Brigitte e con le braccia al cielo in segno di vittoria, Emmanuel Macron misura il sostegno trasversale di buona parte degli altri candidati sconfitti, parlando già da vincitore delle presidenziali.

“La battaglia per guidare il Paese comincia stasera”

Rassembler. pic.twitter.com/j0pa1WJcet— Emmanuel Macron (@EmmanuelMacron) 23 aprile 2017

“Miei cari concittadini – ha detto il candidato centrista del movimento En Marche nel suo primo commento ai risultati -, non ci sono ‘diverse France’, ce n‘è una sola: la Francia, la nostra. La Francia dei patrioti, in seno a un’Europa che eserciti il suo ruolo di protezione e che saremo chiamati a rifondare. Il compito sarà immenso. Ma io sono pronto. Insieme a voi. La battaglia per essere degni di guidare il nostro paese comincia questa sera, e noi la vinceremo”.

Macron e l’appello per il secondo turno: “Non un voto ‘contro’, ma per scrivere una nuova pagina di storia

Le défi n’est pas d’aller voter contre. Le défi est d’ouvrir une nouvelle page de notre pays pour que chacun puisse y trouver sa place.— Emmanuel Macron (@EmmanuelMacron) 23 aprile 2017

“Voglio essere il presidente di tutti voi, il presidente dei patrioti di fronte alla minaccia dei nazionalismi – ha poi aggiunto Macron, in un evidente riferimento alla sua rivale Marine Le Pen -. La sfida, al secondo turno, non sarà nel votare contro, ma nello scrivere una nuova pagina nella storia del nostro paese”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità