Macron a Roma per Trattato del Quirinale, cos'è

·1 minuto per la lettura

Il presidente della Francia Emmanuel Macron a Roma il 25 novembre per firmare il Trattato del Quirinale con il presidente del Consiglio Mario Draghi. Cos'è il Trattato del Quirinale? Il testo è destinato a strutturare le relazioni tra Roma e Parigi sul modello del Trattato dell'Eliseo del 1963 fra Francia e Germania.

Il progetto venne avviato dal presidente francese Emmanuel Macron e dall'allora premier Paolo Gentiloni in occasione del vertice del gennaio del 2018, ma i lavori si interruppero durante il primo governo Conte, a seguito delle forti tensioni diplomatiche fra i due Paesi seguite allo scambio di accuse fra Parigi e l'allora ministro dell'Interno Matteo Salvini sull'accoglienza dei migranti e all'incontro con un gruppo di gilet gialli dell'allora vice premier Luigi Di Maio.

Strappi che sono stati ricuciti durante il secondo governo Conte: in occasione del vertice italo-francese di Napoli del 27 febbraio del 2020, che segnò il rilancio dei rapporti fra Roma e Parigi, l'allora premier e Macron riaffermarono la volontà di riprendere il lavoro per la firma del Trattato. Lavoro che ha subito un'accelerazione negli ultimi mesi, anche grazie alla forte intesa personale tra il presidente francese ed il premier Mario Draghi, che si sono visti l'ultima volta a Parigi venerdì scorso in occasione della conferenza sulla Libia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli