Madre e figlia uccise nel Varesotto, i vicini di casa: "Era una famiglia invidiabile"

Manuela D'Alessandro

AGI - Una strage familiare non annunciata. Così appare dalla prime testimonianze quanto accaduto a Samarate, 16mila abitanti vicino a Varese, dove Alessandro Maya, 57 anni, geometra con studio sui Navigli a Milano, ha ucciso la moglie Stefania Pivetta, parrucchiera, e la figlia Giulia, di 16 anni, ferendo il fratello Nicolò di 23.

"Come vicesindaco e assessore ai Servizi Sociali non avevo avuto nessuna segnalazione su questra famiglia che mi dicono fosse tranquilla - spiega all'AGI Nicoletta Alampi, accorsa davanti alla villetta di via Torino dove la famiglia risiedeva dal 1999 -. Non era una famiglia particolarmente conosciuta. I figli, due bravi ragazzi: lei studentessa brillante, lui col sogno di diventare pilota".

La signora Rosangela, vicina di casa, appare provata: "Stefania per me era come una figlia, la conoscevo da più di 20 anni. Andavo a fare i capelli da lei. Mia figlia mi ripeteva: 'Mamma, sono una famiglia invidiabile' ma poi non si può mai sapere se nelle case entra il diavolo. Giulia, bella, bravissima a scuola e Nicolò, dopo avere studiato per diventare pilota all'Istituto Areronautico, lavorava in un bar. L'ho vista l'ultima volta prima di Pasqua perché poi le è venuto il Covid. Mia figlia le aveva mandato un messaggio sabato scorso e lei aveva risposto di essere ancora positiva al virus".

Isabel, un'altra vicina di casa, racconta di avere sentito stamattina "le urla della vicina di casa, che poi ha chiamato i carabinieri e il 118, e quelle del ragazzo ferito che chiedeva aiuto".

"Pensavo che Mara sapesse della morte della cugina, invece l'ho avvertita io scrivendoole un messaggio di condoglianze. Era sconvolta" racconta una ragazza al banco nella pasticceria in piazza Italia dove, fino a poco tempo fa, lavorava la cugina di Stefania Pivetta.

Li ho uccisi tutti, bastardi

"Era per terra, con le ferite che sanguinavano, col corpo metà dentro e metà fuori dalla porta di casa e diceva: 'Li ho uccisi tutti, bastardi'". È la scena raccontata da Manuela e Chiara, madre e figlia, le vicine di casa che hanno chiamato i soccorsi dopo che Alessandro Maja ha ammazzato la moglie Stefania e la figlia Giulia, ferendo l'altro figlio, Nicolò. "Lo ha detto con tono tranquillo, in apparenza non era agitato" aggiunge Chiara che definisce i vicini "una famiglia da 'Mulino Bianco', perfetta".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli