Madre e figlio trovati morti, erano deceduti da un mese

madre e figlio trovati morti

Tragedia a Crevenna, nel comasco, dove madre e figlio sono stati ritrovati morti nella loro abitazione. I corpi, rinvenuti nel pomeriggio di martedì 24 settembre, sono risultati appartenere a un 67enne e alla madre, di 91 anni. I primi accertamenti hanno fatto però emergere un’ulteriore sconvolgente verità: i due erano morti da circa un mese. Sui cadaveri non sono stati riscontrati segni di violenza e gli inquirenti hanno ragione di pensare che si sia trattato di un decesso per cause naturali.

Madre e figlio trovati morti

A scoprire i due cadaveri sono stati i vigili del fuoco, intervenuti dopo la chiamata di un vicino di casa, il quale aveva avvertito un forte odore sgradevole proveniente proprio dall’appartamento dove i due vivevano, situato al terzo piano di un condominio nei pressi di Erba. Quando i pompieri hanno sfondato la porta si sono trovati di fronte i due cadaveri ormai in avanzato stato di decomposizione. Le forze dell’ordine hanno avviato le indagini per chiarire l’esatta causa del decesso: l’ipotesi è che la morte sia sopraggiunta per cause naturali, forse a causa di un malore.

Morti da un mese

Stando alle prime ricostruzioni, la madre era da tempo costretta a letto a causa di una malattia e sarebbe morta di stenti. Il primo a morire infatti sarebbe stato il figlio, il quale ha lasciato improvvisamente sola la donna, che, non essendo autosufficiente, non è stata in grado di chiedere aiuto. I residenti del palazzo hanno infatti confermato che da tempo non vedevano più madre e figlio, ma non si sarebbero resi conto della tragedia avvenuta a pochi passi da loro. L’autorità giudiziaria ha disposto accertamenti sulle salme per stabilire causa e data del decesso.