Madre e figlio vivono in macchina sull'A1. Hanno perso casa e lavoro

·2 minuto per la lettura
(Photo: Paolo Lo Debole via Getty Images)
(Photo: Paolo Lo Debole via Getty Images)

Per una settimana hanno dormito all’interno di una auto parcheggiata in un’area di servizio dell’A1, non avendo più nulla, né una casa né un lavoro. Protagonisti della triste vicenda una madre e un figlio originari del Sud, ma residenti al Nord, individuati nei pressi di Fabro dalla polizia stradale di Orvieto, che ha dato loro un aiuto, donando generi alimentari e una somma di denaro.

La storia è stata confermata dai riscontri della Polstrada. Poco più che cinquantenne lei, 25 anni lui, agli agenti che hanno chiesto loro spiegazioni sui motivi della prolungata presenza, segnalata in quel luogo decisamente poco confortevole, tra la tristezza e l’imbarazzo i due hanno dato il via a un racconto commovente, poi confermato dai riscontri della Polstrada, che, inizialmente, pensava di trovarsi di fronte a un’auto sospetta.

La donna ha spiegato di aver perso il lavoro a causa di una situazione familiare complessa e quindi, con il precipitare di quella economica, di aver dovuto lasciare l’abitazione in cui viveva con il figlio. Di fronte al buio dell’incertezza i due hanno così deciso di affidarsi all’unico “tetto” che era loro rimasto, l’utilitaria di proprietà. In mancanza di alternative, ne hanno fatto la loro casa, adattandosi a dormire sui sedili scomodi e a lavarsi nei servizi igienici dell’area di servizio. La donna ha raccontato anche di essersi voluta fermare a Fabro perché da piccolina frequentava con suo padre Città della Pieve, cittadina a poche decine di chilometri di distanza.

Immediata la solidarietà degli agenti, che l’hanno ascoltata e confortata. I poliziotti hanno così deciso di acquistare per madre e figlio generi alimentari di prima necessità, come pasta, biscotti, marmellata e legumi, ma anche di fare una piccola colletta per aiutarli economicamente e dare loro un minimo di respiro.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli