Maestra condannata a Roma: “Se dite male di me, demonio vi prenderà”

maestra condannata a roma

Aggressione verbale nei confronti di una classe di bambini di terza elementare. Per questa ragione, una maestra di una scuola elementare del quartiere Aurelio di Roma è stata condannata, con il rito abbreviato e quindi con uno sconto di un terzo sulla pena, a quattro mesi di reclusione. L’accusa è di abuso dei mezzi di correzione. L’insegnante minacciava ripetutamente i 21 bambini della sua classe, una terza elementare, con frasi come: “Se parlate male della maestra la notte verrà il demonio, vi prenderà per i capelli a voi, insieme con i vostri genitori, e vi porterà nel fuoco dell’inferno”. I fatti risalgono al 2015.

La donna avrebbe inoltre rivolto ai piccoli parole come “brutti”, “insopportabili”, “bugiardi” e “asini”. In base alla ricostruzione effettuata dagli inquirenti, le continue minacce rappresentavano il metodo usato dalla maestra per cercare di far stare buoni e in silenzio i bambini. Ma alcuni di loro avrebbero avuto delle crisi di pianto, ansia e insonnia proprio a causa delle minacce verbali della docente. L’atteggiamento aggressivo della maestra, inoltre, non si limitava solo ai piccoli studenti, ma anche delle colleghe che si permettevano di criticare la sua condotta.

Maestra condannata a Roma

Secondo i pm che si sono occupati del caso, la donna avrebbe compiuto “atti di vessazione e umiliazione tali da produrre negli allievi un significativo disagio psicologico estrinsecatosi in frequenti crisi di pianto, difficoltà a prendere sonno e talvolta in enuresi notturne”. La sentenza è stata ampiamente contestata dalla diretta interessata. La maestra, infatti, avrebbe protestato gridando all’indirizzo del giudice in aula, profondamente contraria alla sua condanna.