Maestro sospeso dal preside

·2 minuto per la lettura
Scuola
Scuola

Un maestro di una scuola elementare statunitense ha ricreato le scene dell’Olocausto in classe, chiedendo ai bambini di scavare le fosse per gli ebrei. L’insegnante è stato sospeso dal preside.

Maestro ricrea scene dell’Olocausto a scuola: le parole del preside

Un insegnante della Watkins Elementary School di Washington DC ha superato i limiti nel suo intento educativo. Ha chiesto a dei bambini di terza elementare di ricostruire le scene di un campo di concentramento nazista, chiedendo loro di fingere di scavare fosse comuni per i loro compagni di classe e simulare di sparare alle vittime. “Riconosco la gravità di questa condotta poiché agli studenti non andrebbe mai chiesto di recitare o rappresentare delle atrocità, in particolare un genocidio, la guerra o un omicidio” ha dichiarato il preside della scuola, annunciando di aver sospeso l’insegnante che ha fato rivivere ai bambini le scene dell’Olocausto in classe.

Maestro ricrea scene dell’Olocausto a scuola: la richiesta dell’insegnante

L’insegnante inizialmente aveva assegnato ai bambini un compito sull’Olocausto, che avrebbero dovuto presentare ai compagni prima della pausa invernale. Il docente, ha deciso di spingerli a rievocare i tragici fatti storici come se stessero facendo una recita. Secondo una email del preside ai genitori, l’educatore avrebbe assegnato ruoli specifici ad ogni studente, indicando addirittura ad un bambino di interpretare Hitler, fino a costringerlo a fingere il suicidio. Un genitore ha spiegato che il figlio ha dovuto fingere di essere su un treno per un campo di concentramento e di morire in una camera a gas. Un altro ha riferito che il figlio ha dovuto fingere di sparare ai compagni.

Maestro ricrea scene dell’Olocausto a scuola: i bambini si sono rivolti ad un altro insegnante

La situazione è emersa quando i bambini hanno deciso di rivolgersi ad un altro insegnante, che è subito andato a parlare con il preside. Il maestro aveva chiesto agli studenti di non dire niente a nessuno di quello che era accaduto in classe. Durante la rievocazione si è anche lasciato andare a commenti antisemiti. Il preside lo ha sospeso e ha avviato un’indagine interna. “Questo non era un progetto approvato e ci scusiamo sinceramente con i nostri studenti e le famiglie che sono stati soggetti a questo incidente” ha dichiarato la scuola, spiegando che la classe ha incontrato un team di psicologi che ha rassicurato i bambini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli