Mafia: Aiello (M5S), 'ricordare ribellione Libero Grassi a ingiustizia e illegalità'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 ago. (Adnkronos) – "Il 29 agosto del 1991 la mafia assassinava Libero Grassi, imprenditore coraggioso che ebbe la forza di denunciare il pizzo e di combattere Cosa Nostra. A trent’anni dalla sua scomparsa è un dovere di tutti ricordare la sua ribellione all’ingiustizia e all’illegalità”. Lo afferma Davide Aiello, deputato del M5S e componente della commissione Antimafia.

“Libero Grassi –aggiunge- è stato, e continua ad essere, un esempio di libertà per tutti quegli imprenditori che ogni giorno scelgono di combattere le mafie, di non piegare la testa davanti ai soprusi e alle violenze. La sua ribellione e la sua lunga lotta all’illegalità hanno aperto la strada al movimento antiracket. La battaglia contro il pizzo e la mafia non è ancora vinta e per questo lo Stato e le istituzioni devono costantemente tutelare ed essere vicini a tutti coloro che si ribellano al pizzo e alla criminalità organizzata”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli