Mafia Capitale, Gianni Alemanno assolto dall'accusa di corruzione

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - OCTOBER 14: Gianni Alemanno, secretary of the National Movement for Sovereignty, which is an Italian national-conservative political party, takes part in a demonstration to protest against the invasion of immigrants and to defend Italian workers on October 14, 2017 in Rome, Italy. The National Movement for Sovereignty has called for the immediate repatriation of 700,000 illegal migrants and for the government not to approve the ius soli law. (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Corbis via Getty Images)  (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Stefano Montesi - Corbis via Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - OCTOBER 14: Gianni Alemanno, secretary of the National Movement for Sovereignty, which is an Italian national-conservative political party, takes part in a demonstration to protest against the invasion of immigrants and to defend Italian workers on October 14, 2017 in Rome, Italy. The National Movement for Sovereignty has called for the immediate repatriation of 700,000 illegal migrants and for the government not to approve the ius soli law. (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo by Stefano Montesi - Corbis/Corbis via Getty Images) (Photo: Stefano Montesi - Corbis via Corbis via Getty Images)

L’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno è stato assolto dall’accusa di corruzione dalla Cassazione nell’ambito di uno dei filoni dell’inchiesta Mondo di mezzo. Deciso un nuovo processo d’appello invece per l’accusa di traffico influenze illecite.

“Finisce un incubo durato sette anni, e che obiettivamente poteva essere evitato”. Lo ha detto l’ex sindaco di Roma Gianni Alemanno, lasciando la Cassazione dopo la sentenza. “Credo che questa sentenza ridimensioni questa vicenda durata ben sette anni. Mi sono ritrovato prima mafioso e poi corrotto, adesso rimane un piccolo traffico di influenze che sarà la Corte di appello a giudicare. Non c’è più corruzione, non c’è più quel fango che mi era stato tirato addosso”, ha affermato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli