Mafia capitale, legale Gramazio: accusa costruita in laboratorio

Nav/Nes

Roma, 17 ott. (askanews) - "Questa è una mafia costruita in laboratorio di cui nessuno sa nulla. Una mafia di tre persone, un ossimoro. La sentenza di appello è povera, sciatta è intrisa di contraddizioni e scopiazzature dall'ordinanza di custodia cautelare". Lo ha detto l'avvocato Valerio Spigarelli quale difensore di Luca Gramazio nell'ambito del suo intervento in Cassazione per il processo Mafia Capitale. Gramazio ha avuto un appello 8 anni ed otto mesi.

Il penalista ha poi sottolineato: "Non si può dimenticare che per Gramazio non sono riusciti a dimostrare un euro di incasso illecito". Spigarelli ha quindi spiegato: "La cosa più incredibile è che la mafia per esercitare il suo terribile potere deve esser riconoscibile e avvalersi di un Capitale costruito storicamente. L'accusa, sapendo che il Capitale non c'era, lo ha sostituito con Carminati ed il suo gruppo di corso Francia. Ma in Campidoglio e sullo stesso corso Francia non li conosceva nessuno".