Mafia, Cassazione respinge ricorso Brusca per domiciliari

nav

Roma, 7 ott. (askanews) - Giovanni Brusca deve restare in regime di custodia cautelare. I giudici della Cassazione hanno respinto il ricorso dei difensori rispetto all'ordinanza del 12 marzo con la quale il Tribunale di sorveglianza di Roma aveva a sua volta rigettato la richiesta di detenzione domiciliare dello stesso Brusca.

I difensori dell'ex boss di mafia, gli avvocati Antonella Cassandro e Manfredo Fiormonti, hanno spiegato di non aver preso visione del provvedimento odierno e di attendere le motivazioni per valutare i prossimi passi.