**Mafia: Contrada, 'all'indomani strage Borsellino fui chiamato da Procuratore Caltanissetta'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 9 giu. (Adnkronos) – All'indomani della strage di via D'Amelio "mi chiamò il genero del Capo della Polizia di allora, Vincenzo Parisi, e mi disse che mi sarei dovuto presentare il Procuratore di Caltanissetta Gianni Tinebra. Io non lo conoscevo e non sapevo neppure come si chiamasse. E il genero di Parisi, il dottor Sergio Costa, mi disse che se volevo mi avrebbe accompagnato lui. Quindi la sera del 20 luglio, intorno alle 20, andai al Palazzo di giustizia ed ebbi questo incontro con il dottor Tinebra". Lo ha detto Bruno Contrada, l'ex dirigente della Squadra mobile, audito dalla Commissione regionale antimafia all'Ars che da settimane si occupa del presunto depistaggio sulla strage di via D'Amelio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli