Mafia: depistaggio Borsellino, 'Scarantino all'inizio era tranquillo, poi cambiò'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Caltanissetta, 17 set. (Adnkronos) – "I primi giorni Scarantino era tranquillo, quando lo incontrammo all'aeroporto militare di Boccadifalco era tranquillo. I problemi sono nati dopo, quando è arrivata la moglie. Perché Scarantino era di una gelosia folle". A dirlo, interrogato al processo sul depistaggio sulla strage di via D'Amelio è Vincenzo Militello, ex sostituto commissario della Dia di Palermo. Gli imputati sono tre poliziotti, Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, accusati di concorso in calunnia aggravata. Rispondendo alle domande dell'avvocato Giuseppe Seminara, che difende due dei tre imputati, ha ripercorso i momenti dopo la collaborazione dell'ex pentito Vincenzo Scarantino. Alla domanda della parte civile se Scarantino avesse "paura di qualcosa", Militello ha risposto: "Assolutamente no".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli