Mafia: difesa Mori scrive a Mattarella, 'da Report tentativo condizionamento opinione pubblica'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 31 mag. (Adnkronos) – "C'è un importante tentativo di condizionamento dell’opinione pubblica che viene realizzato anche attraverso interviste rilasciate dai magistrati inquirenti rappresentanti l’accusa nel processo del quale si sta svolgendo il secondo grado, i quali continuano a propinare le proprie ipotesi, peraltro smentite da documenti a loro conoscenza che non vengono mai menzionati". E' la pesante accusa lanciata dai difensori del generale Mario Mori e del colonnello Giuseppe De Donno, i due alti ufficiali dei Carabinieri imputati nel processo d'appello sulla trattativa Stato-mafia di Palermo. I legali si sono rivolti al Capo dello Stato Sergio Mattarella ma anche alla ministra della Giustizia Marta Cartabia, al vicepresidente del Csm David Ermini e ai vertici della Rai. Gli avvocati Basilio Milio, che difende Mori, e Francesco Romito, che difende De Donno, fanno riferimento alla trasmissione 'Report' andata in onda il 24 maggio scorso. I legali parlano di "una inchiesta giornalistica, realizzata ancora una volta con un approccio rivelatosi del tutto deficiente dei necessari requisiti di completezza ed imparzialità, tratta talune vicende che hanno interessato il Generale Mori, utilizzando alcuni documenti smentiti da altri mai citati, manipolando intercettazioni, omettendo di citare sentenze ormai irrevocabili anche da circa un ventennio, così determinando oggettivamente una indebita interferenza sul processo in corso".

"Tesi – spiegano i legali – esposte al di fuori dei luoghi deputati all’accertamento dei fatti, ossia le aule di giustizia, sembrando così esorbitare sia dal necessario riserbo che chi è – o è stato – parte in causa deve tenere in costanza di celebrazione di un giudizio, sia dalle funzioni che la legge assegna loro, non essendo opinionisti o influencer ma magistrati". "Ciò avviene nonostante la Rai sia un ente assimilabile ad un'amministrazione pubblica in quanto, oltre a beneficiare della riscossione di un canone di abbonamento per la copertura dei costi del servizio pubblico, avente natura di imposta, è concessionaria ex lege dell'essenziale servizio pubblico radiotelevisivo, che è previsto debba esser svolto nell'interesse generale della collettività nazionale per assicurare il pluralismo, la democraticità, l’imparzialità e la completezza dell'informazione". Per i due difensori Report "finisce oggettivamente per strumentalizzare il servizio pubblico al fine di influenzare l'opinione pubblica tramite la diffusione di notizie segnate da incompletezza e selezione unidirezionale dei documenti e delle testimonianze disponibili, come può esser riscontrato leggendo la memoria".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli