Mafia e droga, 59 arresti nel Messinese: colpite le nuove leve

xpa

Palermo, 28 feb. (askanews) - Operazione antimafia del Carabinieri del Comando Provinciale di Messina e del Ros che hanno arrestato 59 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico di droga, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, violenza e minaccia, con l'aggravante del metodo mafioso.

L'operazione, chiamata "Dinastia", è un ulteriore sviluppo delle indagini della Procura di Messina nei confronti della storica famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, e che hanno portato all'arresto di affiliati e gregari del clan mafioso barcellonese che negli ultimi anni ha investito nel settore del traffico di droga, per integrare i proventi illeciti derivanti dalle estorsioni.

Le nuove leve del clan, tra cui alcuni dei figli dei principali capi mafia, oramai da lungo tempo detenuti, erano a capo di una struttura criminale dedita al traffico e alla distribuzione di ingenti quantitativi di cocaina, hashish e marijuana, nell'area tirrenica della provincia di Messina e nelle isole Eolie, anche rifornendo ulteriori gruppi criminali satelliti, attivi a loro volta nello spaccio. L'operazione ha fatto luce anche su numerose estorsioni attuate da anni nei confronti di negozianti e imprese del territorio barcellonese.