Mafia: ergastolo Messina Denaro per le stragi del '92, depositate le motivazioni

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 19 ago. (Adnkronos) – Sono state depositate presso la cancelleria della Corte d'assise di Caltanissetta le motivazioni della sentenza del processo a carico del superlatitante Matteo Messina Denaro, condannato all'ergastolo perché ritenuto tra i mandanti delle stragi mafiose del 1992. Sono oltre 1.100 pagine in cui si spiega la ragione della condanna emessa nell'ottobre del 2020 dalla Corte presieduta da Roberta Serio. "Non conosco ancora il contenuto delle motivazioni – spiega all'Adnkronos il legale d'ufficio del boss, l'avvocato Salvatore Baglio – quindi non posso dire nulla al momento". Secondo l’accusa, sostenuta in aula dall'allora procuratore aggiunto Gabriele Paci, oggi Procuratore a Trapani, il boss Matteo Messina Denaro avrebbe determinato all’interno di Cosa nostra “un clima di unanimità senza il quale il capomafia corleonese Totò Riina non avrebbe potuto portare avanti i suoi piani stragisti, se non a rischio di una guerra di mafia”. “Non è sostenibile – aveva spiegato il magistrato durante la requisitoria, conclusasi con una richiesta di condanna all’ergastolo per il padrino latitante – che Totò Riina avrebbe comunque intrapreso quella strada senza avere il consenso di Cosa nostra, perché se ci fosse stato il dissenso dei vertici di una delle province ci sarebbe stata una guerra”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli